Recensione: Il bordo vertiginoso delle cose
Autore: Gianrico Carofiglio
Pagine: 138
E-book: 9,99
Cartaceo: 8,32
Casa Editrice: Rizzoli
Pubblicato il: 21/10/2013
Genere: Narrativa contemporanea
Recensione di: Rossella
Valutazione

 

Non guardate indietro, ci siete già stati.
Il bordo vertiginoso delle cose di Gianrico Carofiglio

Enrico ha scritto un libro, bellissimo, fulminante che lo ha reso famoso in tutta Italia. Ma come succede spesso si è fermato, non è riuscito ad andare avanti, ha incontrato un blocco che nei dieci anni successivi lo ha fatto allontanare da quel mondo di successo fatto di interviste, librerie e palchi.

Un mattino come tanti, seduto a un caffè, legge un articolo che lo riporta indietro agli anni dell’adolescenza, alla sua Bari da cui è partito per trovare rifugio in una Firenza colta ed elettiva. Un nome su tutto lo scuote fino a fargli prendere la decisione inaspettata di salire sul primo treno disponibile e tornare a “casa”: comincia così un percorso di formazione che percorre due strade parallele. Una è quella del passato, dove Enrico ricorda gli anni del liceo, di Salvatore e di Celeste, l’insegnante di filosofia che l’ha folgorato; l’altra è quella del presente che lo vede percorrere i vicoli una Bari vecchia, ma cambiata.

Alla fine, proprio sul bordo vertiginoso delle cose, si vedranno le due strade incontrarsi e, solo per chi ha coraggio, aprirsi sul futuro.

Idee da leggere