Lo scalpellino
Recensione: Lo scalpellino
Autore: Camilla Läckberg
Pagine: 574
Ebook: 7,99
Cartaceo:  11,90
Casa Editrice: Marsilio
Pubblicato il: 14\09\2011
Genere: Giallo
Valutazione4 stelle

“La vita era fatta di troppe altre cose per sprecarla alimentando un sentimento negativo.”
Lo scalpellino di Camilla Läckberg

Al largo di Fjällbacka un pescatore a caccia di aragoste rinviene il corpo di una bambina, Sara.

L’investigatore Patrick Hedstrom, a cui viene affidato il caso, scopre che non si tratta di una fatalità ma che la piccola è stata assassinata. Da qui inizia una difficile indagine che coinvolge una fitta serie di personaggi, caratterizzati perfettamente con lo stile introspettivo dalla Läckberg.

Sullo sfondo anche la famiglia di Patrick: Erica Falck la sua compagna che da poco gli ha dato una bimba e la sorella di lei, Anna, che vive con un marito violento e aggressivo.

La narrazione procede su due piani temporali paralleli che si ricongiungono solo nel finale. Gli indizi emergono gradualmente e piano piano il lettore si trova a ricostruire una storia antica che ha portato all’omicidio della piccola Sara.

Un bellissimo giallo, un gradino più in alto rispetto ai primi libri della serie. Una lettura estremamente scorrevole nonostante il numero di pagina, in grado di tenere il lettore con il fiato sospeso fino alla fine. Consigliato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.

Idee da leggere