Borderlife
Recensione: Borderlife
Autore: Dorit Rabinyan
Pagine: 267
Ebook: 9,99
Cartaceo: 14,37
Casa Editrice: Longanesi
Pubblicato il: 26/04/2016
Genere: Narrativa straniera
Recensione: Rossella
ValutazioneValutazione tre stelle

 

Bandito dal ministero dell’Istruzione israeliano in quanto «minaccia all’identità ebraica»

Liat e Hilmi si conoscono un giorno a New York e subito cominciano a parlare, a conoscersi e a perdersi nella grande città. L’attrazione è forte, è subito scattato quel qualcosa che cambierà le loro vite per sempre.

Ma è qualcosa di pericoloso, folle, impossibile; la loro storia, la storia delle loro genti, dei loro popoli non permette alcun tipo di relazione. Liat è israeliana e si trova in America per una borsa di studio; Hilmi è palestinese e fa il pittore a Brooklyn. La loro terra è una terra divisa e tormentata che non potrà far altro che separarli. Ma il loro amore è forte e li seguirà ancora.

L’amore raccontato da Rabinyan è coinvolgente, appassionante anche nei litigi e nelle dure discussioni che I due protagonisti si trovano inevitabilmente ad affrontare.

Il libro è scorrevole, profondo e davvero piacevole; è certamente invaso da una malinconia che non ti lascia indifferente e arrivati alla fine si avrebbe voglia di cambiarne il finale.
Una storia assolutamente da leggere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.

Idee da leggere