Mi sono perso in un luogo comune
Recensione: Mi sono perso in un luogo comune
Autore: Giuseppe Culicchia
Pagine: 221
Ebook: 6,99
Cartaceo: 13,93
Casa Editrice: Einaudi
Pubblicato il: 01/03/2016
Genere: Saggi
ValutazioneValutazione tre stelle

COCA-COLA: la bevanda ideale quando si desidera protestare per qualsiasi motivo contro il governo degli stati uniti, ma anche quando si desidera digerire dopo aver mangiato come brontosauri

NORMALI: lo sono per definizione i vicini di casa. Vedi STRAGI. Vedi VICINI DI CASA

QUALUNQUE: L’uomo

Mi sono perso in un luogo comune di Giuseppe Culicchia

Una pillola di saggezza, di ironia, sarcasmo e malinconia: questo è un vero e proprio dizionario, dove, in ordine alfabetico, ci vengono elencati tanti luoghi comuni che ognuno di noi usa senza pensare davvero a quello che sta dicendo.

Lo si può leggere pagina dopo pagina seguendo l’ordine con cui vengono elencate le parole, ma anche aprendo il libro a caso, come ci viene suggerito dall’editore. In ogni caso ci renderemo conto quante volte anche noi usiamo le frasi fatte, cadendo così nella banalità e ottusità del mondo.

Qualche parola sull’autrice:

Giuseppe Culicchia è uno scrittore italiano, ormai considerato una delle voci più autentiche della narrativa italiana degli ultimi anni.
Ha esordito nel 1994 con Tutti giù per terra, romanzo che si è rivelato uno dei casi letterari più sorprendenti degli ultimi anni ed è stato vincitore dei Premi Montblanc e Grinzane Cavour.
Molti dei suoi libri sono stati tradotti in Francia, Germania, Olanda, Grecia, Spagna e Russia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.

Idee da leggere