Siamo finalmente arrivati alle tanto sospirate vacanze di Pasqua. Per tenervi compagnia vi proponiamo tre meravigliosi libri di viaggi…non si tratta di classici contemporanei ma di libri moderni che rivisitano il tema del viaggio in modo originale e contemporaneo.

3 libri di viaggio da leggere

1- L’ incredibile viaggio del fachiro che restò chiuso in un armadio Ikea di Puértolas Romain racconta la storia di Ajatashatru Lavash Patel, un indiano di professione fachiro che vive di espedienti. Una mattina Patel si sveglia e decide che è giunto il momento di comprare un nuovo letto di chiodi. Apre il giornale e trova una promozione davvero vantaggiosa: un letto di chiodi in offerta a 99,99. Il mobile è firmato Ikea e si trova soltanto nei punti vendita di Parigi. Incantatodal megastore svedese e dalla magia infinita delle sue porte scorrevoli, Ajatashatru decide di prendersela comoda e trascorrere la notte a curiosare, ma l’arrivo di una squadra di commessi lo costringe a nascondersi dentro un armadio. Peccato che al mattino proprio quell’armadio debba essere imballato e spedito in Inghilterra. Inizia così il viaggio del fachiro…

2 – Ogni cosa è illuminata di Jonathan Safran Foer narra la storia di un giovane che visita l’Ucraina per trovare Augustine, la donna che può aver salvato suo nonno dai nazisti. Jonathan è accompagnato nella sua ricerca da un coetaneo ucraino, Alexander Perchov, detto Alex. Alex lavora per l’agenzia di viaggi di famiglia, insieme a suo nonno che, a dispetto di una cecità psicosomatica fa l’autista, e in compagnia di una cagnetta maleodorante, chiamata Sammy Davis Jr Jr, in onore del cantante preferito dal nonno. Il romanzo è ispirato alla vicenda personale dell’autore, che nel 1999 viaggiò in Ucraina per fare ricerche sulla vita di suo nonno. Il titolo del romanzo è una citazione da L’insostenibile leggerezza dell’essere di Milan Kundera.

3 – Gli autonauti della cosmostrada di Julio Cortàzar e Carol Dunlop. Lunga e diritta corre la strada Parigi-Marsiglia. A bordo di un pulmino Volkswagen, un lupo (Julio Cortázar) e un’orsetta (Carol Dunlop) dalle incontrollabili pulsioni narrative guidano, chiacchierano, scherzano, dormono, fanno l’amore. Terzo protagonista il pulmino Volkswagen rosso fiammante, ribattezzato Fafner da Cortázar in omaggio al dragone wagneriano. Ci mettono trentatre giorni a fendere l’esagono da nord a sud, ogni giorno facendo sosta in due diverse aree di servizio, e con il fermo proposito di non uscire mai dall’autostrada. Questo libro documenta la traversata epica e assieme domestica compiuta nel 1982 dall’improbabile e poetico terzetto, mostrando come un gioco fra innamorati possa diventare un esperimento letterario audace, profondo e divertente.

Photo by Rathish Gandhi on Unsplash

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.

Idee da leggere