L'albergo delle donne tristi
Recensione: L’albergo delle donne tristi
Autore: Marcello Serrano
Pagine: 206
Ebook: 5,99
Cartaceo: 6,38
Casa Editrice: Feltrinelli
Pubblicato il: 24/01/2013
Genere: Narrativa straniera
Valutazione: 4 stelle

“La vita è prepotente; ci passa sopra senza mai chiedercene il permesso”.
L’albergo delle donne tristi di Marcela Serrano

In questo albergo, lontano dal mondo e dalla confusione delle loro vite, si ritrovano tante donne, famose e non. Qui in tre mesi cercano di ritrovare la pace, l’armonia e la serenità che le hanno abbandonate da tempo.

Conosciamo tante vite, alcune di donne in carriera, attrici, ma anche di donne normali come un’anziana signora e una giovane artigiana. Ognuna si deve confidare con le altre, raccontare i suoi problemi e i suoi pensieri, perché si possono superare tutte le debolezze e cercare di guarire solo se lo si fa insieme e ci si fida degli altri.

Molti sono i problemi che le affliggono, molti gli errori che hanno commesso; proprio per questo ogni donna che legge questo libro può ritrovarsi in qualche pezzo di vita raccontata.

Il romanzo, come gli altri dell’autrice, richiama atmosfere e immagini sudamericane

Qualche parola sull’autore

Marcela Serrano nasce a Santiago del Cile nel 1951 dalla romanziera Elisa Pérez Walker e dal saggista Horacio Serrano. Nel 1973, a causa del golpe militare, lascia il Cile e si trasferisce in Italia a Roma. Nel 1977 rientra definitivamente in Cile. Pubblica il suo primo romanzo, Noi che ci vogliamo così bene, nel 1991. Il romanzo è la rivelazione dell’anno e vince nel 1994 il Premio Sor Juana Inés de la Cruz e il Premio Feria del Libro de Guadalajara e nel 1996 il premio della casa editrice francese Coté des Femmes, come miglior romanzo ispanoamericano scritto da una donna.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.

Idee da leggere