Il museo dell'innocenza

Recensione: Il museo dell’innocenza
Autore: Orhan Pamuk
Pagine: 586
Ebook: 6,99
Cartaceo: 20,40
Casa Editrice: Einaudi
Pubblicato il: 07/04/2009
Genere: Narrativa contemporanea
Valutazione:5 stelle

“I singoli istanti possono regalarci una felicità che non si esaurisce per centinaia di anni”.
Il museo dell’innocenza di Orhan Pamuk

Sullo sfondo di questo romanzo troviamo la Istanbul degli anni Settanta. La storia è quella dell’amore di Kemal per Fusun, una sua lontana parente conosciuta per caso. Tra i due c’è subito una forte attrazione, anche fisica; ma Kemal è fidanzato e non è pronto a lasciare la sua compagna decide così di andarsene.

Il ragazzo rimane però tormentato dal desiderio e dalla passione che lo portano finalmente a lasciare la fidanzata. E’ passato però molto tempo e quando i due si ritrovano e la vita di Fusun è completamente cambiata. Kemal si accontenterà di frequentarla in assoluta castità, cominciando a raccogliere un’ infinità di oggetti che gliela ricordano. Tutte queste cose, che diventeranno vere e proprie reliquie, andranno a formare quel Museo dell’innocenza che testimonierà in eterno il suo amore per lei.

Il Museo dell’Innocenza esiste davvero: è stato inaugurato dallo stesso autore a Istanbul e raccoglie gli oggetti descritti nel libro.

Romanzo bellissimo, malinconico, emozionante e intelligente. Tuttavia è un libro impegnativo, non facile; si deve assaporare pian piano e potrebbe annoiare chi ama libri che scorrono più velocemente e ricchi di colpi di scena.

Qualche parola sull’autore

Orhan Pamuk è nato nel 1952 a Istanbul. E’ uno scrittore, accademico e saggista turco. Nel 2006 ha vinto il Premio Nobel per la Letteratura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.

Idee da leggere