rosa candida

Recensione: Rosa candida
Autore: Auður Ava Ólafsdóttir
Pagine: 206
Ebook: 8,99
Cartaceo: 14,45
Casa Editrice: Einaudi
Pubblicato il: 19/06/2012
Genere: Narrativa contemporanea
Valutazione: 4 stelle

“Pare che si sprigioni una specie di luce da questa creatura che ora tende le braccia verso di me”.
Rosa candida di Audur Ava Olafsdóttir

Il protagonista di questa storia è Lobbi, un ragazzo di ventidue anni, amante come sua madre, morta da poco, della natura, dei fiori e del giardinaggio.

Accetta di prendersi cura di un leggendario roseto in un monastero del Nord Europa lasciando il padre e il fratello gemello autistico. Ma Lobbi lascia anche Flora Sól, la figlia di sette mesi avuta dopo una sola notte d’amore con Anna.

Quest’esperienza sarà per Lobbi un viaggio verso la maturità, verso il cambiamento. Ma sarà soprattutto l’arrivo di Anna e Flóra Sól in quell’angolo di mondo a smuovere il suo animo e a insegnargli alcuni valori della vita. Nascerà in lui infatti un desiderio inaspettato nei confronti di Anna e sopratutto Lobbi scoprirà la bellezza di essere padre e dell’avere una famiglia.

Un romanzo dolce, delicato e profondo. Quasi una fiaba che ci trasporta in un mondo lontano, fuori dal tempo. Assaporiamo con calma ogni parola, senza fretta. Questo libro è un piccolo gioiello.

Qualche parola sull’autore

Audur Ava Olafsdóttir è una scrittrice islandese. È stata insegnante di Storia dell’arte all’Università di Reykjavík e direttrice del Museo dell’Università d’Islanda. In Italia Einaudi ha pubblicato tre suoi libri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.

Idee da leggere