Recensione: L’amica geniale 
Autore: Elena Ferrante
Pagine: 400
Ebook: € 11,90
Cartaceo: € 16,58
Casa Editrice: Edizioni EO
Data di pubblicazione: 16 maggio 2011
Genere: Narrativa italiana
Età: +18
Valutazione5 stelle

 

 

“In sua assenza, dopo una breve esitazione mi ero messa al posto suo. O meglio, le avevo fatto posto in me”
L’amica geniale di Elena Ferrante

L’amica geniale è il primo di quattro libri scritti da Elena Ferrante dedicati alle vicende di due amiche, Lina e Lena, bambine, ragazze e poi adulte tra le quinte di un miserabile rione della periferia napoletana del secondo dopo guerra.

Vera protagonista del libro è l’amicizia tra le due che la Ferrante, avvenimento dopo avvenimento, racconta sottolineandone le sfaccettature e le complessità. Il linguaggio è crudo, realistico, incalzante e trascina il lettore in una storia magica che lo strega e lo lascia senza fiato.

L’amicizia che racconta la Ferrante è vera e immersa in un’Italia in cambiamento che la influenza con forza. Un’amicizia fatta di affetto, invidia, fastidio e di una rivalità di fondo che spinge entrambe a primeggiare ed emergere. Impossibile per chi legge non immedesimarsi con forza e non desiderare di leggere il secondo capitolo Storia del nuovo cognome. Un libro consigliato a tutti…da leggere in ogni momento della giornata. Unica avvertenza: quando si inizia impossibile smettere.

Nota: de L’Amica Geniale è ora disponibile anche l’audiolibro

Qualche parola sull’autrice:

Elena Ferrante è una scrittrice italiana. È opinione diffusa che il suo nome sia in realtà uno pseudonimo. Il suo primo romanzo, L’amore molesto ha vinto il premio Procida Isola di Arturo-Elsa Morante e il premio Oplonti d’argento. Nel 2006 viene pubblicato il romanzo La figlia oscura, da cui nel 2007 la scrittrice ha tratto spunto per il racconto per bambini La spiaggia di notte. Nel 2011 è stato pubblicato il primo volume del ciclo L’amica geniale, seguito nel 2012 dal secondo volume, Storia del nuovo cognome, nel 2013 dal terzo, Storia di chi fugge e di chi resta e nel 2014 dal quarto e conclusivo Storia della bambina perduta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.

Idee da leggere